Link Partners

banner_comune ozzano
banner_sagra_badessa

Nostre Attività

Tesseramenti 2017

Tesseramenti 2017

Comunicato del Presidente della ProLoco

In seguito agli articoli pubblicati su numerose testate giornalistiche a proposito del Vecchione bruciato in Piazza a Ozzano la notte del 31 Dicembre, pubblichiamo il comunicato stampa del Presidente della ProLoco Ozzano.

“La Pro Loco di Ozzano dell’Emilia tiene a precisare che le affermazioni apparse sui quotidiani nei giorni scorsi, che danno per bruciato alle ore 24 del 31.12.2011 la figura dell’ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi non sono veritiere in quanto, il fantoccio bruciato in occasione del Capodanno appena trascorso era del tutto anonimo. L’ultimo giorno dell’anno, nel comune sentire popolare, vuole essere una giornata di festa, che viene vissuta con spirito goliardico e che culmina in molte piazze italiane con il tradizionale falò che null’altro significato ha se non quello di mettersi alle spalle il vecchio anno per iniziarne uno nuovo. Nulla di più e nulla di altro. Senza alcun intento offensivo e/o politico, ma solamente con uno spirito goliardico e ironico, in linea con il particolare clima della giornata, i volontari della Pro Loco avevano inizialmente attaccato al vecchione l’immagine dell’ex Presidente del Consiglio, ma gli stessi, proprio a dimostrazione della loro buona fede, in seguito anche alla segnalazione dei Carabinieri, attorno alle 22.30 di sabato 31 dicembre 2011, sono prontamente intervenuti sul”vecchione” stesso, togliendo la foto di Silvio Berlusconi e rendendo il fantoccio una figura anonima e senza il riferimento ad alcuna persona, per non offendere così la sensibilità di nessuno. La Pro Loco, associazione per sua stessa natura estranea a logiche politiche e/o partitiche, si dichiara stupita dal grande clamore suscitato da un gesto ironico e goliardico, che non voleva avere alcun intento offensivo o denigratorio, si riserva di attivare tutte le misure per tutelare la propria immagine .”
Il presidente della Pro Loco di Ozzano dell’Emilia

Aldo Gori

I commenti sono chiusi.